Da Agosto a Novembre del 2021 era risultato piuttosto difficile far valere le richieste di proporre protezione internazionale su navi quarantena. Nonostante diverse pec inviate e richieste in tanti, troppi, sono finiti in un CPR. Come Wissem Abdel Latif.

Continuano ad essere in funzione ben 5 navi quarantena (la GNV Azzurra, la SNAV Adriatico, la GNV Aurelia, la nave GNV Atlas e la GNV Allegra), divise tra i porti della Sicilia. Ed a Dicembre è uscito il nuovo bando per 5 navi che possono “accogliere” anche persone che hanno attraversato i confini terrestri. Le navi saranno quindi spostate anche in Friuli Venezia Giulia ed in Sardegna. Si conoscono già i nomi dei vincitori: Aurelia, Splendid, Rhapsody, Adriatico e Moby Dada. Il costo medio si aggira intorno a oltre 3 milioni di euro al mese per nave. Una cifra con cui si potrebbe forse ricominciare a parlare di un’accoglienza degna su terra. Invece no.

Nel mese di Dicembre abbiamo seguito diversi casi prevalentemente tunisini ed egiziani. Tra loro un gruppetto di tunisini che arrivato a Pantelleria, dopo un giorno, è stato interamente trasferito al CPR di Trapani, per una notte e poi su nave quarantena. Tra loro una donna magrebina che è stata accolta nelle stesse stanze degli uomini dentro il CPR di Trapani. “Non ho avuto problemi con nessuno, anzi hanno tutti cercato di tranquillizzarmi, perché eravamo in un carcere e non sapevamo perché”. La donna era in precedenza in Italia prima con un permesso per motivi familiari, poi per lavoro e poi con un PdS per disoccupazione. Una spirale discendente che l’ha portata ad una situazione di irregolarità e disagio e quindi ad un’espulsione nel suo paese. Secondo le norme vigenti, a suo carico ora vi è un reato per reingresso. Secondo noi è giustamente tornata nel Paese che in ogni modo l’aveva relegata ai margini, imponendole un lavoro durissimo ed una regolarizzazione pressoché impossibile. Con la nuova normativa, l’art. 19, può battersi ora per ottenere giustizia. Sono tanti che per lo stesso reato vengono rispediti indietro o incarcerati, senza mai riuscire a vedere nemmeno lontanamente un soffio di giustizia.

Il CPR di Trapani Milo ha sempre avuto questa forma ambivalente: prima CIE, poi CPR, poi hotspot, poi di nuovo centro di detenzione, poi chiuso, poi aperto ancora come CPR. In tanti cambiamenti effettivamente si può generare della confusione…

Ci chiediamo quante volte sia accaduto questo passaggio “d’urgenza” perché non si sapeva dove mettere le persone, poiché, magari, le condizioni climatiche avverse non davano la possibilità alla nave di attraccare al porto o per chissà quali altri problemi, come la mancanza di posti in accoglienza.

L’unico elemento positivo in questo periodo di fine anno 2021 è stato che tutti i tunisini e gli egiziani (circa 150) segnalati hanno di fatto potuto chiedere la protezione ed essere accolti, a differenza dei precedenti. A differenza di Wissem che ha trovato il CPR e poi è morto legato ad un letto del reparto psichiatrico del San Camillo a Roma, il 28 dicembre. Proprio oggi avrebbe compiuto 27 anni.

Le storie si ripetono sempre uguali: dal mancato accesso all’informativa, all’impossibilità “da soli” di fare la richiesta di protezione. 

Un giovane cittadino sempre magrebino attende sulla nave quarantena (può presenziare in tribunale, ma l’avvocato d’ufficio gli ha consigliato di non andare, perché “tanto è inutile”) che gli venga convalidato l’arresto perché anche lui è rientrato in Italia dopo un’espulsione, prima dei 5 anni previsti. La volta precedente non era nemmeno riuscito a presentare la domanda di protezione ed era stato accolto in un CPR e poi espulso. Oggi è riuscito in qualche modo a presentare la richiesta, grazie agli attivisti e forse potrà quanto meno decidere se essere presente o no in udienza, almeno per capire cosa ne sarà del suo futuro.

Continuiamo a scrivere di navi quarantena, perché le riteniamo un elemento aggiuntivo di supplizio in questo sistema di accoglienza che non accoglie ma “seziona, divide ed imprigiona”, un elemento che succhia milioni di euro senza generare meccanismi virtuosi, ma che offre continuamente il fianco a politiche di repressione ed espulsione.

di Yasmine Accardo